Comunicare e condividere il valore dell'acqua: casi in prova

venerdì 19 ottobre 2018
14:00 - 17:00


Il seminario si propone di analizzare con gli strumenti delle scienze sociali e della comunicazione alcuni casi in cui il valore simbolico e materiale del bene acqua viene veicolato con una varietà di strumenti, da quelli eminentemente formativi e informativi a quelli legati alle pratiche di partecipazione attiva di utenti e fornitori.

In Italia vi sono molti centri culturali focalizzati sul valore dell'acqua In particolare ci interessa valutare come si integrano con gli aspetti eminentemente comunicativi, i giochi di simulazione, la costruzione di dibattiti pubblici, le ricerche azione e le proposte di azionariato diffuso.  Si cercherà di mettere in luce attraverso qualche esemplificazione come l’informazione sulla crisi ambientale sia inseribile in una più ampia griglia di analisi che considera da un lato il carattere biunivoco del flusso informativo e dall’altro il suo aspetto per così dire ‘materiale’.

Si analizzerà il ruolo del Centro universitario tematico sull’acqua che affronta la formazione permanente con destinatari professionisti e funzionari/tecnici dipendenti. Bisogna fare in modo che l’Universitas, quale comunità di docenti e studenti, eserciti una Institutional Leadership e bisogna superare la dimensione educativa-informativa della comunicazione ambientale promuovendo partecipazioni attive di comunità e di progettualità coinvolgenti secondo la Citizen Science.

Si affronterà il valore dell’acqua nel mondo del denaro. Il Gruppo Banca Popolare Etica, attraverso le sue diverse articolazioni (Banca Etica, Etica sgr, Fondazione Finanza Etica) si muove nei riguardi del tema con l'obiettivo di valorizzare l'acqua come bene comune, sul quale i soggetti pubblici competenti devono investire risorse importanti per tutelarne quantità e qualità, evitando ogni speculazione di carattere finanziario ed economica in un'ottica privatistica. La finanza etica può - con i propri strumenti creditizi, finanziari e culturali – favorire questo approccio.

Se ne discuterà con esperti giornalisti ambientali che ci porteranno la loro esperienza.


SALA Innovazione - Pad. 18 UNIVERSITA' TRIESTE


Introduce e coordina

Giorgio Osti, Sociologo dell’ambiente Dipartimento Scienze Politiche e Sociali, Università di Trieste

 

Ne parlano

  • Renzo Valloni, direttore del Centro Acque - eu.watercenter dell'Università di Parma
  • Chiara Bolognini, Giornalista ISPRAmbiente
  • Marco Fratoddi, segretario generale FIMA Federazione italiana media ambientali
  • Simone Siliani, Direttore Fondazione Finanza Etica, Gruppo Banca Popolare Etica
  • Sergio Gessi, giornalista prof. Etica comunicazione, Università di Ferrara
  • Alessandra Furlani resp.comunicazione Consorzio Bonifiche Renane 
  • Alberto Mazzotti, giornalista
  • Andrea Cirelli, coordinatore scientifico Accadueo

 




Ritorna Stampa programma

Con il patrocinio di